Raphael Mechoulam il Nonno del THC e di tutta la ricerca sulla cannabis.

 

Raphael Mechoulam (in ebraico: רפאל משולם?) (Sofia, 5 novembre 1930) è un biologo e chimico israeliano, famoso per i suoi studi

sul Δ9-tetraidrocannabinolo, il maggiore principio attivo della cannabis, da lui scoperto e sintetizzato nel 1964, e sul sistema endocannabinoide.

 

Biografia :

Nato a Sofia, in Bulgaria, nel 1930, si trasferisce nel 1949 insieme alla sua famiglia in Israele, dove si laurea in chimica. Dopo il dottorato trascorre un periodo di perfezionamento alla Rockefeller University.

Rientrato in Israele diviene membro dell'Istituto Weizmann, dove assurge alla notorietà in seguito all'isolamento e alla sintesi, nel 1964, del Δ9-tetraidrocannabinolo, il maggiore principio attivo della cannabis[1].
Successivamente, divenuto professore di chimica alla Università Ebraica di Gerusalemme, contribuisce, con il suo gruppo di ricerca, alla individuazione del cannabidiolo (CBD), del cannabigerolo (CBG) e di numerosi altri composti presenti nella cannabis. Sempre al suo gruppo di ricerca si deve l'isolamento, nel 1992, dell'endocannabinoide anandamide[2] e, qualche anno più tardi, del 2-arachidonoilglicerolo (2-AG) [3].

Nel 1999 l'International Cannabinoid Research Society ha istituito in suo onore il "Raphael Mechoulam Annual Award in Cannabinoid Research".

 

Opere

  • Marijuana, Chemistry, Pharmacology, Metabolism and Clinical Effects. Academic Press, New York, 1973.
  • Cannabinoids as Therapeutic Agents. CRC Press, FL. 1986.
  • Trends in Medicinal Chemistry. S. Sarel, R. Mechoulam, I. Agranat (eds). Blackwell Publ. Oxford, 1991.
  • Cannabinoids as Therapeutics. Birkhauser, Basel, 2005.