UN PO DI CHIAREZZA SUGLI ESTRATTI DI CANNABIS

 

 

Conosciuto per la sua elevata concentrazione di terpeni ed il rischio che comporta la  manipolazione del gas N-Butano che può farci prendere fuoco molto velocemente.

L’olio di marijuana BHO (Butan Honey Oil), si riferisce al metodo di estrazione che usa come solvente il gas N-Butano.

Se viene estratto da materiale congelato, avrà una consistenza rocciosa, al contrario di   quando viene estratto da materiale essiccato, risulterà una oleoresina.

In un caso o nell’altro, potremo eliminare in seguito i resti di cere, grassi e lipidi ancora esistenti, ottenendo così il conosciuto Absolut o Shatter.


 

Consigli basilari prima di realizzare l’olio BHO

Come già sappiamo il gas N-Butano è altamente infiammabile e prima di realizzare il processo dobbiamo prendere una serie di precauzioni a livello di sicurezza per evitare problemi.

  1. Non realizzare il processo in un luogo chiuso, sempre cercare un luogo all’esterno.
  2. Non fumare durante il processo. Evita che i tuoi amici/colleghi lo facciano.
  3. Usare un ventilatore con pale di plastica per eliminare i vapori che si generano durante il processo di evaporazione del gas, mai usare un aspiratore per questo processo. L’elettricità può facilmente generare una scintilla.
  4. Avere un estintore vicino può salvarti la vita, stiamo trattando prodotti molto pericolosi.
  5. Avere una coperta vicino nel caso in cui si generi una fiamma ti servirà per controllare un possibile incendio durante l’estrazione.
  6. Usare guanti di sicurezza. Passando per il tubo il gas si congelar, potendo bruciarci le mani.
  7. Non vestire con roba sintetica. È meglio utilizzare abbigliamento in lino o cotone perché i tessuti sintetici possono generare piccole scintille.

Concetti basilari sull’Olio di Marijuana BHO

Il N-Butano è un solvente relativamente non-polare, nel nostro caso lo usiamo per ottenere un’estrazione molto pura e pulita poichè questo solvente non estrae parti solubili in acqua, come la clorofilla e altri non interessanti per il processo.

Invece con le estrazioni in alcool etilico la clorofilla viene rilasciata velocemente e acquisisce un color verde scuro, e un sapore non molto gradevole (amaro).

Il rendimento di questo tipo di estrazione è molto basso rispetto ad altri metodi, dipendendo dalla qualità della marijuana (indoor, outdoor), dimensioni dei fiori, tempo di essiccazione, condizioni di essiccazione e conservazione, può essere compresa tra il 5% – 18% del totale del peso.

 

 

Esistono differenti metodi per estrarre questo apprezzato olio:

 

Circuito aperto: La prima opzione, più economica, si basa nell’utilizzare un tubo di borosilicato, o metallo, che riempiremo completamente con materiale vegetale attraverso il quale faremo passare il gas N-Butano, e raccoglieremo l’olio in una pentola posta sul fondo del tubo.

 

Estrattore BHO, circuito aperto

 

 

Circuito chiuso: Questo metodo è più sofisticato, è necessario un estrattore a circuito chiuso, e consiste nell’avere un deposito dove si mantiene il N-Butano, grazie a delle valvole si fa passare il gas attraverso una colonna con il materiale vegetale, fino a raccogliere l’olio in un deposito interno al proprio estrattore, così da poter recuperare di nuovo il gas rimanente nello stesso deposito.

 

Estrattore BHO, circuito chiuso ( mod. Tamisum)

 

 

Alcuni di voi potrebbero pensare che gli oli di CBD cosi come gli estratti ( Paste wax e BHO CBD)  sono tutti uguali, ma non è così.

Quando si tratta di cannabidiolo, la chiave è la purezza. Dai tre processi d'estrazione con CO2 più comuni si produce Olio di CBD  "grezzo", "decarbossilato" e "filtrato.

L'olio grezzo di CBD, conosciuto anche come olio nero, è il più semplice ed economico da produrre, ma non essendo sottoposto ad un processo di filtrazione non garantisce tutte le proprietà benefiche della canapa.

 

Dopo essere stati estratti, gli oli neri di CBD vengono diluiti con un olio vegetale e non vengono sottoposti ad ulteriori processi.

Allo stesso modo, gli oli decarbossilati neri non garantiscono la massima precisione del contenuto in composti attivi e della loro efficacia.

Solo gli oli filtrati, ovvero quelli dorati estratti da piante di canapa coltivata biologicamente in Europa, offrono tutti i benefici del CBD e le sue potenziali proprietà terapeutiche.

Ciò garantisce ai clienti il miglior prodotto possibile.

 

Qui di seguito troverete i 10 motivi per cui l'olio di CBD dorato è meglio di quello nero.

 

 

1. È MEGLIO PER VOI

 

I principali vantaggi nell'usare un olio dorato sono forse i diversi benefici terapeutici che offre.

Gli oli dorati mantengono una maggiore purezza e contengono solo i cannabinoidi essenziali e lo spettro completo di terpeni aromatici, che contribuiscono a migliorare ulteriormente l'efficacia del CBD.

 

Inoltre, gli oli dorati sono filtrati, ovvero le parti vegetali in eccesso, come lipidi, cere e clorofilla, vengono separate dai composti benefici della canapa.

Ciò ci consente di ottenere un olio più chiaro e dalle tonalità dorate.

I residui vegetali contenuti invece negli oli neri riducono il potenziale terapeutico del CBD, causando nausea ed altri effetti collaterali negli individui più sensibili.

 

 

2. IL PROCESSO DI DECARBOSSILAZIONE È COMPLETO

 

Al fine di massimizzare la loro potenza, gli oli di CBD dorati vengono sottoposti ad un accurato processo di decarbossilazione.

Questo passaggio consente di rimuovere il gruppo carbossilico, trasformando il CBDa inattivo in CBD attivo, massimizzando il potenziale terapeutico di questo cannabinoide.

La decarbossilazione consiste nel riscaldare i fiori di Cannabis per un determinato intervallo di tempo, fino ad attivare completamente tutti i composti ed ottimizzare l'efficacia del prodotto finale.

 

 

3. CONTENUTO PIÙ ALTO E COSTANTE DI CBD

 

Dal punto di vista del consumatore, la potenza di un olio di CBD dorato dovrebbe sempre prevalere sul prezzo.

Grazie ai suoi alti livelli di purezza, è più facile mantenere costante e standardizzare le concentrazioni di CBD da flacone a flacone.

Le concentrazioni di cannabinoidi degli oli neri, invece, possono variare complicando notevolmente il dosaggio.

Ciò è dovuto al loro contenuto variabile di parti vegetali, oltre alla possibile presenza di sostanze chimiche e conservanti non rimossi durante il processo di filtrazione.

 

Quando le concentrazioni di CBD sono basse e variano da flacone a flacone, è quasi impossibile valutare i veri benefici delle estrazioni grezze di cannabidiolo.

Quando si acquista un olio di CBD nero, le concentrazioni possono essere diverse da quelle riportate sulle etichette dei flaconi. Quando si usa cannabidiolo in una terapia per trattare un qualsiasi problema di salute, è essenziale garantire un prodotto standardizzato per il suo corretto dosaggio.

È per questo che non conviene investire negli oli neri per ottenere specifici benefici terapeutici.

 

 

4. MIGLIORE SAPORE & ODORE

 

Come per tutti i prodotti assunti su base giornaliera, se non addirittura per più volte al giorno, gli oli di CBD dovrebbero sempre garantire i migliori sapori ed odori.

Gli oli di CBD neri hanno un sapore amaro e poco gradevole, mentre quelli dorati sono caratterizzati da profumi più complessi, grazie al loro complesso contenuto di terpeni, ottenuto grazie ad un accurato processo di distillazione a vapore. Inoltre, questi oli offrono al consumatore un prodotto privo di clorofilla e altre parti vegetali, responsabili del gusto sgradevole degli oli neri.

 

 

5. CONSISTENZA LIQUIDA

 

Una delle parti più frustranti nell'usare gli oli di CBD neri è che la loro composizione varia da prodotto a prodotto.

Non tutti gli oli di CBD mantengono la loro forma liquida a temperatura ambiente e per questo richiedono di essere riscaldati a bagnomaria per uniformare la consistenza del prodotto.

Spesso, gli oli neri tendono a solidificarsi e ad aderire al fondo e alle pareti del flacone, complicando la rimozione dei residui depositati. Gli oli dorati, invece, sono fluidi a temperatura ambiente come un normale liquido e sono molto meno sensibili alle escursioni termiche.

 

 

6. L'EFFETTO ENTOURAGE

 

Ciò che rende così efficaci le proprietà terapeutiche dell'olio di CBD è il cosiddetto " effetto Entourage" .

Questo fenomeno si verifica quando tutti i composti essenziali contenuti all'interno delle piante di Cannabis agiscono insieme per formare qualcosa di molto più potente della semplice somma delle loro parti.

Questo termine viene spesso citato in riferimento all'efficacia dei terpeni che, insieme al CBD, lavorano per offrire una gamma più diversificata di benefici per la salute.

 

 

7. SOLDI SPESI MEGLIO

 

Sebbene gli oli di CBD dorati tendano a costare di più rispetto alle alternative "grezze", i processi di produzione a cui vengono sottoposti sono molto più accurati, garantendo livelli più alti e precisi di CBD.

Ciò consente ai consumatori di assumere solo le migliori parti della Cannabis, eliminando tutti i composti inutili.

Inoltre, chi fa uso di oli dorati solitamente usa dosi più piccole di prodotto rispetto a quelle che dovrebbe invece assumere con gli oli neri.

In questo modo il consumo prolungato risulta essere più economico.

 

 

8. NON CONTIENE THC

 

Negli oli di CBD neri le concentrazioni di THC, il cannabinoide psicoattivo contenuto nella Cannabis, tendono a non superare lo 0,1%, mentre negli oli dorati rimangono al di sotto dello 0,02%, una grande differenza per i consumatori che cercano di evitare i composti psicoattivi.

Gli oli dorati sono legali, sicuri da consumare e non interferiscono nella guida, nell'uso di macchinari o in qualsiasi altra banale attività.

 

 

9. COLORAZIONI CHIARE E DORATE

 

Come più persone hanno di recente affermato, gli oli dorati stabiliscono un nuovo standard per l'assunzione del cannabidiolo.

Il colore chiaro e dorato di questi oli mostra fin da subito la purezza del prodotto, anticipando i suoi gradevoli sapori e la presenza di alte concentrazioni di CBD.

I clienti si aspettano i migliori risultati dagli oli dorati , associando il colore con l'efficacia del prodotto.

 

 

10. PIÙ FACILE DA USARE

 

L'olio di CBD dorato è più facile da usare e non richiede particolari manovre prima di essere assunto.

Grazie alle sue concentrazioni costanti, non correrete più il rischio di aver ingerito una dose sbagliata, il che vi consentirà di definire la migliore quantità di CBD per le vostre specifiche esigenze, controllando con maggiore precisione i dosaggi.

Gli oli dorati sono disponibili in diversi formati e concentrazioni, appositamente disegnati sia per i consumatori esordienti che per quelli più esperti.

Inoltre, disponiamo anche di prodotti con alte concentrazioni di CBD per chi cerca la massima potenza in ogni dose assunta.